BRAZIL 2014

La notizia dell’assegnazione dei Mondiali di calcio al Brasile per l’edizione del 2014 mi coglie mentre scollino sotto la neve con la mia macchina il passo del Foscagno. Contrappasso sportivo e temporale.
Un Mondiale che si gioca in Brasile è come fare una convention di petrolieri in Arabia Saudita, dare appuntamento a tutti i pinguini del mondo al Polo Nord, riportare un professore di storia indietro nel tempo all’epoca dei Greci e dei Romani. E’ il calcio che torna non dove è nato ma dove è diventato spettacolo e passione, dove si è intrecciato con la vita – spesso fatta di povertà, dove ha fatto nascere campioni entrati nei sogni e nell’immaginario di appassionati di tutto il mondo.
L’unico mondiale in Brasile è fatto fino ad oggi di giornali dell’epoca, di racconti alla radio. E’ la tragedia del Maracanà, 16 Luglio 1950, Brasile – Uruguay 1-2. E’ il gol del vantaggio di Ghiggia a 9 minuti dalla fine della partita. E’ il capitano dell’Uruguay Obdulio Varela che alza la Coppa davanti a 150.000 tifosi brasiliani ammutoliti. E’ la cronaca che diventa storia e poi leggenda e poi letteratura. E’ un racconto di Osvaldo Soriano. Fùtbol. Allo stato puro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.