LIFE IS UNDERGROUND

Era uno dei pochi momenti senza trilli, con la possibilità di passare 20 minuti in santa pace leggendo il giornale o ascoltando musica. Insieme al viaggio in aereo, il mio viaggio in MM verde nella tratta Udine-Lanza era un tempo irraggiungibile.
Da qualche settimana i cellulari suonano, credo abbiano messo dei ripetitori. Mi è successo una volta e ora tendo a spegnerlo o ad abbassare la suoneria, così che possa non rispondere. Sarà invece che molti si dimenticano di questa novità, o non lo sanno ancora, o non gliene frega niente, fatto sta che molti rispondono al trillo in underground. Peccato che l’inquinamento acustico della metro verde (con i finestrini abbassati come in questi giorni…non c’è aria condizionata) sia abbondantemente sopra la soglia critica di accettazione (a volte l’ipod a palla è inascoltabile) e si assista a scene incredibili di persone urlanti i fatti i propri per rispondere ad una telefonata.
Underground, life could wait.

1 commento su “LIFE IS UNDERGROUND”

  1. scene di vita quotidiana!!!e, ovviamente, l'inquinamento acustico raggiunge il suo picco sulla canzone più bella della tua playlist..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.