IL BELLO DI INTERNET



Ci sono tante cose belle di internet, ma forse l’aspetto che preferisco è la possibilità di dire quello che ciascuno pensa. Non è detto che tutti condividano quello che io dico, così come io non condivido tutto quello che gli altri dicono. Ma appena l’ho detto in internet devo credere in quello che ho detto perchè poi quella cosa lì che ho scritto può essere letta, commentata, apprezzata o criticata da tutti e nel mio dirla pubblicamente in una piazza virtuale c’è tutta l’ebrezza di accettare il confronto. Se fossi un politico direi che in quell’accettare il confronto c’è l’essenza della democrazia, ma non vorrei esagerare con i paroloni.



Domenica pomeriggio, ritornando a Cernusco da una settimana di vacanza e collegandomi a internet, ho trovato un po’ ovunque su Facebook questo messaggio:

SABATO 23 LUGLIO.

QUESTA è LA VOCE DEL MIO FANS CLUB;

”SIAMO STUPITI E CONTRARIATI PER LA MANCATA AUTORIZZAZIONE DELLA POLIZIA LOCALE DI CERNUSCO S/N,DELL’ASSESSORE COMPETENTE E DELL’UFFICIO COMMERCIO PER LA SERATA CONCLUSIVA DEL ”TORNEO MEMORIAL ALE CALLONI” CON CONCERTO PRESSO IL BAR DEI PORTICI DI ”MAURIZIO PROTTI” DALLE ORE 19 ALLE ORE 21 DI DOMENICA 24 LUGLIO.

UN MOMENTO DI FESTA E NON UN CONCERTO SPECULATIVO. MA UN OMAGGIO ALL’AMICO ALE CALLONI. IL CONCERTO è STATO ANNULLATO IN MODO INCOMPRENSIBILE.”

Io, Gianluigi Frigerio e gli amici del bar dei portici abbiamo raccolto oltre 250 firme contro questa decisione assurda…”

Il più delle volte il messaggio era seguito da post molto polemici contro la Città di Cernusco, i suoi abitanti, l’Amministrazione, la politica, la burocrazia, il mondo, le persone, ecc. Poichè appunto ero stato in vacanza negli ultimi 10 giorni e non era vero che avessi negato l’autorizzazione al concerto (di cui non sapevo nulla), domenica sera un po’ ovunque su internet ho postato questo commento:

Buonasera. Scrivo come Assessore al Commercio citato in qst post per dire – ad onore della verità – che non c’e stata da parte mia nessuna mancata autorizzazione x il semplice fatto che non ero a conoscenza della richiesta stessa. Sono stato fuori Cernusco nell’ultima settimana: nessuna richiesta mi era arrivata precedentemente (e rilevo che il primo post di promozione del concerto e’ del 16 Luglio), nessuno mi ha informato in settimana. Nei prox giorni verificherò le tempistiche delle richieste e le conseguenti motivazioni: sono, come ho scritto anche a Maurizio, sempre disponibile ad un confronto. Chiedo pero’ a Voi l’onesta’ di scrivere cose vere e complete.



In tarda serata, anche il Sindaco Eugenio Comincini ha postato un po’ ovunque la sua versione:



Sono dispiaciuto per quanto accaduto riguardo al concerto di Maurizio al Bar dei Portici che non si è potuto tenere questa sera ma anche per quanto ho letto qui e mi per quanto è stato riferito in questa giornata.

Ho avuto conoscenza della …questione solo ieri mattina, a decisioni omari prese, perché informato da Maurizio e da suoi amici. Vale però la pena precisare alcune questioni che aiutano a comprendere come si è giunti a quella decisione da parte della Polizia Locale: intanto il concerto non è stato “annullato” in quanto non era mai stato autorizzato; infatti la richiesta di autorizzazione a poter far svolgere il concerto è stata presentata dall’organizzatore solo poche ore prima che gli uffici chiudessero per il fine settimana. Sarebbe bastato poco per mettere gli Uffici nella condizione di poter svolgere il proprio compito: se il concerto era pubblicizzato già dal 16 luglio, sarebbe certamente stato possibile fare richiesta ben prima. Va ricordato che lo stesso concerto organizzato lo scorso anno per il medesimo evento portò a strascichi polemici con i residenti della piazza che fecero intervenire i Carabinieri e protestarono con il Comune: la Polizia Locale, memore del precedente, non poteva archiviare la pratica “in-quattro-e-quattro-otto”; del resto non è stato dato materialmente il tempo agli Uffici di poter concordare le corrette modalità per tenere il concerto.

Nessuno in questa città vuole vietare eventi del genere, ma nessuno – al tempo stesso – può pensare di sottovalutare ed ignorare che ci sono regole che vanno rispettate e soprattutto ci sono molte altre persone che hanno opinioni diverse su quanto si organizza: cercare di fare uno sforzo, da parte di tutti, perché le posizioni e le opinioni differenti non diventino scontro ma trovino la giusta modalità di convivenza è un compito difficile ma non impossibile. Purché si metta chi di dovere nella condizione di poter svolgere il proprio compito.

Se la pratica fosse stata presentata qualche giorno prima non ci sarebbe stato questo disguido.

Il mancato concerto non ha quindi nulla a che vedere con altre ragioni che ho letto e che mi sono state riferite. E le responsabilità sul ritardo non sono certo della Polizia Locale.

Sono certo che ci sarà nuova occasione per ascoltare Maurizio e per ricordare Ale Calloni, in amicizia e serenità.



Prima che oggi, un po’ ovunque sulla piazza virtuale di internet, qualcuno cancellasse ogni traccia di quanto scritto, ho avuto modo di leggere tre risposte. La prima, del Signor Franco Dona, che dopo un iniziale commento polemico, ha voluto aggiungere questo post:



Purtroppo come tutti ci basiamo su quello che leggiamo su fb ed in piena fiducia appoggiamo un amico perche il piu delle volte siamo impossibilitati dalla lontananza da Cernusco a sentire tutte le campane, percio se qualcuno si è sentito offeso dalle mie parole lo prego di scusarmi. Cernuscon è un bellissimo paese ma sarebbe molto meglio se quella vecchia mentalita un po retrogoda di alcuni personaggi cambiasse in modo da aprire le menti ed allinearsi a molti altri paesi oramai piu moderni e piu vivibili.



Non conosco il Signor Franco Dona ma ho apprezzato la sfumatura che ha voluto dare alla sua opinione, che peraltro mi è parsa nella sostanza essere confermata nella sua contrarietà.

La seconda risposta è stata di Maurizio Protti, l’artista che avrebbe dovuto esibirsi domenica sera:



CIAO A TUTTI. DA PARTE MIA E DA PARTE DEL MIO FANS CLUB CHIEDIAMO SCUSA SE SONO STATI USATI TONI POCO CONSONI ALL’ARGOMENTO.DATI DALL’EUFORIA PER IL CONCERTO. IO SONO ORGOGLIOSO DI TUTTI VOI DAL MIO FANS CLUB CHE DIMOSTRA IL SUO AFFETTO IN MANIERA LIBERA COMPOSTA E ASSOLUTAMENTE MOLTO ”ROCK” al IL MIO STAFF COMPOSTO DA SEGUACI FEDELI E MUSICISTI PROFESSIONISTI.E AL SINDACO CHE SI è SEMPRE DIMOSTRATO UNA PERSONA VERA E DISPONIBILE NEI CONFRONTI MIEI E DEI MIEI CONCERTI . ALL’ASSESSORE ERMANNO CHE SI è DIMOSTRATO PRESENTE SUBITO PREOCCUPANDOSI DI QUESTA QUESTIONE E NON SI è MAI DIMOSTRATO OSTILE NEI NOSTRI CONFRONTI. IO VI RICHIEDO SCUSA A TUTTI VOI, LA MUSICA è AGGREGAZIONE FELICITA E DICO SEMPRE ROCK&ROLL



Conosco Maurizio e gli ho già scritto per ringraziarlo per questa precisazione: la mia stima in lui è immutata. Senza imputare colpe ad alcuno, sapremo fare esperienza dei disguidi organizzativi che hanno impedito il concerto, per non ripeterli la prossima volta.

La terza risposta è stata del Consigliere Comunale Gianluigi Frigerio:

Buongiorno Ermanno. Grazie per il tuo contributo e la tua disponibilita’, Che ho rimarcato di recente anche pubblicamente, pur non condividendo molte tue iniziative. La nostra raccolta firme – il piu’ profondo sifnificato di Partecipazione e Democrazia – testimonia come elasticita’ e buon senso siano valori fuori moda anche a Cernusco. Non si’ chiedeva certo la luna: “esibizione canora dalle 19 alle 21″ di una domenica di Fine Luglio a conclusione di un Memorial di Calcio!! Non si’ trattava ne’ di un megaevento da Stadio ne’ di una festa di Partito, tipo la vostra (PD) durata 3 giorni sino a mezzanotte…. Qualcosa non ha funzionato e molte persone sono rimaste deluse e meravigliate: Questo e’ quello che rimane in sostanza della mancata Autorizzazione di ieri sera. Dopodiche’ possiamo parlare di tutto e Aprire un dibattito sugli Eventi in Citta’, su come Cernusco non sia una citta’ Vissuta di sera, su dove Fare Feste senza disturbare il riposo dei cittadini…. Buone vacanze, rinfrescati anche per noi:)”



Ah, c’è un’altra cosa bella di internet, che dimostra partecipazione e democrazia: il fatto che quello che si scrive non va mai cancellato. Magari va rettificato con un altro post, corretto con una nuova versione oppure sostenuto fino alla fine. Ma mai cancellato. Perchè in internet elasticità e buon senso non sono mai fuori moda. E da qualche parte, una traccia rimane comunque.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.