SPAZI DA RIDISEGNARE INSIEME


Lo scorso 11 Luglio ho incontrato le Associazioni Sportive che utilizzano gli spazi del Centro Sportivo di via Buonarroti per preparare la nuova stagione sportiva: per chi organizza sport è fondamentale potere avere delle certezze in termini di spazi e tempi al fine di programmare al meglio la stagione che verrà. I lavori in corso al centro sportivo – ormai in dirittura d’arrivo il prossimo autunno – non ci permettono di fare grandi rivoluzioni immediate, ma mi è sembrato giusto fare due cose:

1. garantire alle Associazioni Sportive la possibilità di confermare il numero di squadre e l’attività della stagione precedente;

2. responsabilizzare le Associazioni Sportive in un’ottica di condivisione preventiva con l’Ufficio Sport e con il Gestore nel caso di esigenze di sviluppo: è chiaro che con spazi limitati una realtà sportiva non può crescere a dismisura non tenendo conto delle esigenze delle altre associazioni e degli spazi disponibili.

Nel corso dell’incontro dell’11 Luglio avevo promesso che entro la fine del mese le Associazioni Sportive avrebbero ricevuto la comunicazione degli spazi di allenamento assegnati: lo abbiamo fatto lo scorso Venerdì 29 Luglio.

Poichè sono convinto che il movimento sportivo e la Consulta dello Sport in particolare abbiano tutte le carte in regola per giocare un ruolo attivo e che la trasparenza sia un valore, quest’anno l’Ufficio Sport non ha mandato singole lettere alle associazioni con solo i rispettivi spazi, ma ha deciso di inviare a tutti la griglia completa dell’utilizzo degli spazi da parte di tutti (stiamo parlando di quelli all’aperto, non le palestre e il palazzetto per intenderci, con esclusione dei campi da tennis che per loro natura hanno un utilizzo esclusivo): ogni associazione ha chiaro fin da ora il quadro complessivo e può rendersi conto di come la propria realtà (e le altre) vi è inserita. Abbiamo scritto sulla griglia “spazi provvisori”: poichè nessuno è perfetto, da qui all’inizio della stagione c’è spazio per correzioni e aggiustamenti, ovviamente concordati insieme con gli interessati, l’ufficio sport e il gestore.

Come ho detto anche nella mia recente intervista a Il Folio, la conclusione dei cantieri in corso ci consentirà tra qualche mese di aprire ad una programmazione diversa, con una prospettiva di medio termine davvero verso la ridefinizione degli spazi nel senso dell’utilizzo degli impianti per sport omogenei: personalmente me lo pongo come obiettivo per la stagione 2012/13, con tutta la stagione 2011/12 per compiere passi in questa direzione. Da Settembre iniziamo a parlarne insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.