CONSULTA DELLO SPORT, OLTRE L’ARTICOLO 13

Questa la lettera che ho inviato nei giorni scorsi alle Associazioni Sportive che utilizzano gli impianti sportivi all’aperto del Centro Sportivo di via Buonarroti in merito all’assegnazione dei nnuovi spazi del centro tra poco disponibili con il completamento della nuova tribuna. Davvero sono convinto che una Consulta dello Sport autorevole e funzionante e un valore aggiunto per lo sport in città.
Gentili Associazioni Sportive,

tra poco più di un mese giungeranno a termine i lavori di rifacimento della struttura della vecchia tribuna adiacente il campo da calcio del Centro Sportivo di via Buonarroti: è il compimento di un’opera molto importante che porrà fine alla precarietà dei container con cui abbiamo convissuto in questi mesi e consegnerà alle associazioni sportive della città 10 spogliatoi (6 grandi e 4 piccoli), uno spazio magazzino di oltre 150 mq, una sala riunioni, un locale infermeria.

Come vi anticipavo nel corso del nostro incontro dello scorso luglio, è’ mia intenzione andare oltre le indicazioni dell’articolo 13 del Regolamento della Consulta dello Sport, secondo il quale il Direttivo della Consulta stessa è chiamato ad offrire un parere obbligatorio non vincolante in merito ai criteri generali per l’assegnazione degli spazi sportivi comunali. In occasione del Direttivo della Consulta dello Sport dello scorso 13 Settembre, infatti, ho consegnato al Presidente Matteo Gerli la piantina della nuova struttura, chiedendo ufficialmente al Direttivo stesso di presentarmi per i primi giorni di ottobre un piano che sia la sintesi delle esigenze di tutte le Associazioni Sportive coinvolte, consentendo all’Ufficio Sport di procedere poi sia all’integrazione di tali osservazioni nel lavoro già svolto sull’argomento, sia alla conseguente assegnazione degli spazi in maniera efficace.

Nell’avanzare questa richiesta, ho solo invitato il Direttivo a considerare, in questo lavoro di pianificazione, non solo un’ottica di brevissimo periodo, ma a valutare in una prospettiva di medio termine se tali passi immediati siano coerenti con la volontà spesso condivisa di ridistribuire gli spazi di tutto il centro sportivo in un’ottica di utilizzo degli impianti per sport omogenei.

Nella convinzione che la condivisione delle azioni di politica sportiva tra Amministrazione e Consulta renda più proficui gli interventi a sostegno dello sport e dell’attività delle Associazioni, esprimendo in maniera compiuta il senso della Consulta stessa, rimango a disposizione per qualsiasi chiarimento e vi auguro nuovamente una fantastica stagione sportiva.

Ermanno Zacchetti – Assessore allo Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.