A PROPOSITO DI CERNUSCO, COMMERCIO E DISTRETTI

La scorsa settimana la Regione Lombardia ha ufficializzato sul proprio sito i risultati del 4° Bando dei Distretti del Commercio, rendendo pubblici i nomi dei 28 progetti ammessi e finanziati, dei 25 ammessi ma non finanziati per esaurimento delle risorse finanziarie e dei 22 non ammessi.

Il nostro progetto “Shopping in famiglia” è stato inserito tra i 25 progetti ammessi ma non finanziati per la limitatezza dei fondi disponibili.




La prima reazione a caldo che ho postato su Facebook, dopo aver avvisato il Presidente dell’Unione Commercianti Enzo Tufo con cui avevo condiviso questo lavoro, è stata di delusione: “E’ vero che non eravamo mai arrivati fino a questo livello di progettualità xchè era di fatto la prima volta che ci avevamo provato, ma stasera prevale il rammarico x un’occasione persa. Nei prossimi giorni incontrerò i commercianti x capire insieme quali passi fare ora, anche partendo dal progetto di Distretto che abbiamo elaborato la scorsa primavera e che contiene spunti di sviluppo certamente interessanti”.

Spiego. Mai a Cernusco era stato fatto un lavoro tanto approfondito di studio e di progettualità sul commercio locale, che ci aveva fatto impiegare risorse umane ed economiche (5.000 euro) per la realizzazione del progetto: per questo ero orgoglioso di averlo portato a termine e nello stesso tempo deluso per il mancato finanziamento. Non autocritico, perché il nostro lo avevamo fatto…ma deluso del risultato sì.

Nei 10 giorni seguenti abbiamo fatto però passi in avanti.

Ho chiesto agli uffici comunali l’accesso agli atti del bando, giusto per capire su quali punti il nostro progetto era stato giudicato carente e quali invece erano stati i punti di forza: siamo in attesa di una risposta da parte della Regione.

Poi lunedì sera ho incontrato i commercianti (erano una trentina) per parlare del Natale…ho apertamente affrontato e spiegato l’esito del bando, nei termini di cui sopra. Ringrazio i presenti per l’unanime consenso su quanto fatto (“…Assessore, almeno questa volta ci abbiamo provato…” era la frase più ricorrente).

Infine Martedì è arrivata la comunicazione ufficiale da parte della Regione Lombardia: “…il programma di intervento presentato dal Suo Ente, sebbene abbia raggiunto il punteggio minimo richiesto dal bando, non è finanziabile per esaurimento della dotazione finanziaria stanziata…è però possibile richiedere il riconoscimento del distretto al fine di usufruire delle opportunità consentite, considerando che la documentazione richiesta è già stata prodotta…”. Dunque: seppur non finanziato, il nostro progetto è stato valutato positivamente, la Regione ha deciso di riconoscere come Distretti anche i progetti non finanziati ma meritevoli e dunque abbiamo già dato il via all’iter burocratico con la Regione perchè Cernusco diventi a tutti gli effetti Distretto del Commercio.



E’ inutile dire che stiamo già lavorando al futuro anche al di là degli aspetti burocratici, cercando di coordinare l’immagine e la comunicazione in vista del Natale (speriamo di farcela) proprio sotto l’idea di DUC “Shopping in famiglia”: dovrei vedere nei prossimi giorni una prima bozza di logo e stiamo pensando a come sviluppare in futuro il sito internet dedicato al DUC (consapevole che un’immagine non si costruisce in poche settimane). Gli interventi in carico all’Amministrazione Comunale previsti nel progetto verranno (sono stati) comunque fatti: il parcheggio al fianco della fermata della MM2 (lo scorso Agosto), i giochi in piazza Gavazzi (tra poche settimane), il wifi pubblico in alcuni luoghi della città (idem).

Questa è la direzione e qualsiasi spunto (vedi articolo di oggi su “Il Folio”) è certamente gradito, ma in questi mesi ne abbiamo fatta di strada e non partiamo da zero: non buttiamo quanto fatto finora!

Ps: ci sono aspetti che non sono strettamente legati al DUC, ma che è bene funzionino perché tutto funzioni: settimana prossima, ad esempio, è già in programma un incontro tra me, il Comandante della Polizia Locale e i commercianti per un confronto in vista dell’importante periodo di Natale affinchè possa essere sfruttato al meglio. E’ bene che sia sgombrato qualsiasi dubbio sul fatto che tutti stiamo lavorando nella stessa direzione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.