NUOVA TRIBUNA, UN ALTRO PASSO PER UN’IMPIANTISTICA SPORTIVA DI QUALITA’

Questa la lettera che ho scritto in occasione dell’inaugurazione delle Nuove Tribune che vivremo domattina sabato 12 Novembre alle ore 10.30 c/o il Centro Sportivo di via Buonarroti

Amici Sportivi, rappresentanti del Direttivo della Consulta dello Sport e delle Associazioni tutte,

domani sabato 12 Novembre verrà inaugurata presso il centro sportivo di via Buonarroti la nuova struttura, “tribuna e spogliatoi”, annessa allo storico campo di calcio Comunale: ci tengo ad invitarVi personalmente per condividere con Voi questo importante appuntamento e colgo l’occasione per darvi alcune informazioni circa la nuova costruzione.

Come sapete, l’idea del nuovo impianto nasce dall’esigenza di intervenire su una struttura vecchia e di fatto non più idonea all’attuale domanda. Dalla sua demolizione è sorto un complesso dotato di:
• sei ampi spogliatoi capaci di accogliere oltre 20 persone;
• quattro spogliatoi di capacità più ridotta;
• una tribuna da 410 posti;
• due grandi magazzini per complessivi 160 mq circa;
• due locali magazzino più piccoli;
• un locale ufficio/segreteria;
• una sala riunione per 15/20 persone;
• un locale pronto soccorso.

C’è anche una grande innovazione: l’acqua calda che servirà gli spogliatoi arriverà da pannelli solari che, adeguatamente posizionati sui primi due spogliatoi orientati verso sud, permetteranno di avere notevoli risparmi.

La tribuna da 410 posti riprende lo stile tanto apprezzato della precedente: compatta e vicina al campo, ha tutte le caratteristiche per far sentire il calore del pubblico ai giocatori in campo. Gli altri spazi ricavati rispondono invece ad importanti esigenze sollevate dalle Associazioni Sportive già nel 2006. La nuova struttura manderà in pensione le sistemazioni provvisorie affittate durante questo periodo di “lavori in corso”, mentre il campo di calcio – per una parte soggetto ad una operazione di inerbimento a causa dell’invasività del cantiere – sarà pienamente utilizzabile per gare ufficiali solo dal mese di dicembre prossimo.

La struttura che andiamo ad inaugurare, costata al Comune circa 1.300.000 euro, si inserisce in un quadro di interventi realizzati dal Comune in questi cinque anni – dalla realizzazione del nuovo spazio di sport, idee e socialità del Centro Natatorio, alla già citata predisposizione di nuovi spogliatoi per il campo da rugby; dalla ristrutturazione degli impianti termici dello Stadio “Gaetano Scirea” alla ricostruzione del Bocciodromo, fino all’imminente ultimazione del nuovo campo da Softball – destinati a garantire ad associazioni e sportivi contesti adeguati alla loro pratica sportiva. Nella sua valutazione funzionale all’interno del centro sportivo (da fare necessariamente nella sua globalità), è chiara la destinazione di questa nuova costruzione a servizio dei campi da gioco e dell’attività associativa propria, lasciando invece ad altre strutture (il centro natatorio coperto e scoperto, il Bocciodromo) la funzione aggregativa e di socialità.

Credo sia anche giusto in questo contesto aggiungere alcune riflessioni di carattere generale, chiudendo poi con uno sguardo al futuro.

Alcuni aspetti di questa ristrutturazione sono ancora da rendere concreti e rappresentano un obiettivo del prossimo anno, ma nel frattempo sono stati predisposti alcuni interventi per l’immediato utilizzo dell’impianto, come ad esempio la gettata d’asfalto per l’accesso alla tribuna e agli spogliatoi, con della ghiaia nella parte Nord. Altri verranno invece implementati nelle prossime settimane: i rubinetti per il lavaggio scarpe, l’arredamento del locale segreteria e della sala riunione; l’illuminazione degli accessi ai campi da tennis nella parte verso l’Itsos. Altri sono ancora in valutazione, come il proseguimento del tunnel di ingresso dagli spogliatoi al campo. Altri ancora, infine, non sono stati realizzati e nemmeno progettati purtroppo per questioni di budget: la copertura della tribuna con impianto fotovoltaico (la cui predisposizione è comunque già presente), l’ammodernamento dell’impianto di illuminazione del campo, la sistemazione della recinzione del campo nella parte Est (quella verso il campo da baseball), la sistemazione del manto erboso del campo stesso.
Dal punto di vista di quello che è stato fatto e quello che ancora c’è da fare, dunque, è chiaro come questa nuova struttura rappresenti un ulteriore importante passo verso la completa ristrutturazione del centro sportivo, certo non ancora terminata ma in maniera altrettanto evidente ampiamente realizzata – forse come non mai in così poco tempo. Credo sia evidente a tutti noi quanto questa realizzazione, peraltro portata a termine in un momento economico difficile, elevi ancor di più l’eccellenza dell’impiantistica sportiva della città.

Concludo con tre accenni di prospettiva.

Innanzitutto, la definizione del bando per la gestione del centro sportivo, scelta rinviata in accordo con la Consulta Sport per evitare che il gestore fosse chiamato ad operare in un contesto di agibilità precaria: ora è il momento di riprendere in mano la bozza di bando – cosa che insieme all’Ufficio Sport abbiamo già fatto – ed è mia intenzione far giocare un ruolo da protagoniste alle Associazioni Sportive Cernuschesi e poterlo indire prima della scadenza di questo mandato amministrativo, in modo che sia operativo per la stagione 2012/13.
Ancora, la riconsegna tra qualche settimana del campo potrà ulteriormente razionalizzare l’utilizzo degli impianti per sport omogenei, scongiurando tutte le possibili occasioni di contrasto tra differenti discipline sportive obbligate nello stesso spazio.
Infine, terminati i lavori, è ora possibile richiedere a tutti una maggiore collaborazione affinché il Centro Sportivo ritorni ad essere interamente interdetto ad autovetture e motocicli: uno spazio pedonale per sport e socialità.

Non mi resta che ringraziarvi per la disponibilità con la quale abbiamo condiviso questo periodo di precarietà dovuto ai lavori in corso e permettetemi di ringraziare anche l’Ufficio Sport e l’Ufficio Tecnico del Comune per aver garantito durante i lavori il regolare svolgimento dell’attività sportiva delle venti Associazioni Sportive coinvolte.

Credo di avervi raccontato tutto, ma per qualsiasi approfondimento e chiarimento sono qui.

A presto,

Ermanno Zacchetti – Assessore allo Sport

(su questo argomento vedi anche il blog del Sindaco Eugenio Comincini)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.