CARO SINDACO PISAPIA (a proposito di trasporto pubblico nella città metropolitana)

Alla c.a. di:

Sindaco di Milano – Giuliano Pisapia
Assessore alla Mobilità – Pierfrancesco Maran
Anticipata via fax.

OGGETTO: Trasporti Metropolitani

Caro Sindaco,

dopo la positiva esperienza della DomenicAspasso dello scorso 16 Settembre che ha visto il Comune di Cernusco sul Naviglio al Vostro fianco per la promozione di una cultura di mobilità sostenibile, l’occasione per tornare a parlare di sinergia tra la linea metropolitana urbana e quella extraurbana ci è ora invece offerta dalla grave situazione che si è verificata ieri, 2 ottobre 2012, non solo in seguito allo sciopero che ha inevitabilmente provocato enormi disagi alla circolazione, ma soprattutto a causa della mancanza di un piano integrato di gestione della rete metropolitana che coinvolga anche la periferia sia dal punto di vista della sicurezza che della viabilità.

Non vogliamo entrare nel merito di come è stata gestita l’emergenza, ma vogliamo sottolineare che molti cittadini che si sono trovati coinvolti in questa esperienza negativa erano pendolari, costretti ad essere considerati, dai vertici dell’Azienda Trasporti Milanesi, passeggeri di serie B.

Non si può continuare a ignorare che una percentuale sempre più crescente di chi utilizza i mezzi pubblici non abita a Milano, ma si reca ogni giorno dalla periferia alla città usando la metropolitana come mezzo di trasporto. E tuttavia l’hinterland è la zona che subisce i disagi maggiori, non solo perché economicamente sopporta i costi più pesanti (è recente l’ulteriore rialzo di altri 5 centesimi sul prezzo del biglietto) ,ma soprattutto perché riceve un servizio non adeguato a quanto esborsato. Ci riferiamo in particolar modo alla linea verde nella tratta Gobba – Gessate, dove le carrozze sono spesso vecchie, senza aria condizionata e i tempi d’attesa si dilatano nelle ore di stanca, oltre al fatto che i Comuni interessati dal passaggio della linea non vengono coinvolti né dal Comune né dall’Azienda Trasporti Milanesi quando si tratta di progettare nuove soluzioni o fare delle migliorie che sono sempre e solo focalizzate sulla città di Milano. Basti qui ricordare l’annoso problema della riqualificazione di quasi tutte le stazioni della tratta Gobba – Gessate, con la pesante situazione dell’accessibilità alle banchine della metropolitana che ancora oggi sono sprovviste di ascensori o scale mobili.

In questo periodo si sta avviando l’importante percorso che porterà Milano e la sua provincia a diventare Città Metropolitana e riteniamo quindi che non si possa più continuare a non considerare l’hinterland nella gestione della viabilità metropolitana, anche in considerazione dell’ormai imminente appuntamento di EXPO 2015.

Cordiali Saluti.
Sindaco di Cernusco s/N – Eugenio Comincini
Assessore ai Trasporti Pubblici – Ermanno Zacchetti

2 commenti su “CARO SINDACO PISAPIA (a proposito di trasporto pubblico nella città metropolitana)”

  1. Mi suona strano che tu scriva al Sindaco di Milano. Secondo il tuttologo Kuda, la responsabilità della rete extraurbana della metropolitana ricade sulla Provincia di Milano (non mi è chiaro se la pensasse così ai tempi di Penati). Per cui è la Provincia che decreta gli aumenti tariffari ed è la Provincia che non fa i dovuti investimenti per adeguare le strutture (da terzo mondo) della stazioni.Mettevi d'accordo o magari aspettate che al prossimo giro ci sia di nuovo un esponente del centrosinistra come Presidente della Provincia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.