28 CLASSI, 675 ALUNNI, 560 ORE DI LEZIONE: ANCHE A CERNUSCO SI FASCUOLA DI SPORT

Sono 270 le scuole lombarde, per un totale di 2.494 classi di 1^ e 2^ delle scuole primarie, che hanno aderito al progetto “A scuola di sport – Lombardia in gioco”, proposto dall’Assessore allo Sport di Regione Lombardia Antonio Rossi alle scuole, con il fondamentale sostegno dei rispettivi Comuni.

Il progetto prevede un intervento di un’ora settimanale di un esperto laureato in Scienze motorie, che affiancherà il docente titolare della scuola nella conduzione della lezione di Educazione fisica una volta la settimana. Avrà una durata complessiva di 20 settimane, per un totale di 20 ore distribuite nell’arco dell’anno scolastico, da definirsi nel calendario della programmazione didattica 2014-2015, a partire dal mese di dicembre.
Il progetto è costato a Regione Lombardia quasi un milione di euro e ha coinvolto nella progettazione, oltre a Regione Lombardia, diversi soggetti, fra cui l’Ufficio scolastico regionale per la Lombardia, Coni Lombardia, Cip Lombardia, Anci Lombardia, Upl e Comuni.
Nella graduatoria delle scuole ammesse diffusa oggi e stilata in base al cofinanziamento dei rispettivi Comuni, ci sono anche le scuole di Cernusco sul Naviglio con le 12 classi (tra prime e seconde) di via Manzoni, le 10 di via Mosè Bianchi e le 6 di via Don Milani.
Un totale di 28 classi di prima e seconda elementare per 675 alunni coinvolti e 560 ore di lezione previste.
Il costo totale di 8.400 euro relativo alle scuole della nostra città non graverà né sulle scuole, né sulle famiglie, ma sarà co-finanziato da regione Lombardia per 5.400 euro e dal Comune di Cernusco per 3.000 euro.
A fronte dell’enorme voglia e del piacere di muoversi delle bambine e dei bambini, l’inattività fisica sta purtroppo prendendo sempre più piede nella nostra società.
Una recente ricerca presentata nell’ambito del progetto #designedtomove ha stimato in 5 anni la minore aspettativa di vita dei ragazzi di oggi rispetto a quella dei propri genitori a causa della sedentarietà stimata nel corso della loro vita.
One of the things that’s crucial in breaking or preventing the physical inactivity cycle is to identify what we’ve called a pivot population. The pivot population is that age or moment in a kid’s life where the cycle (deadly or positive) really locks in. So we took a deeper look into the link between physical activity and certain developmental markers that occur in a person’s lifetime, particularly in the first 25 years. We’ve really zeroed in on the age between 7 and 12 (pre-adolescence), as brain research shows this is when preferences and motivations are solidified. What we’ve learned is that if a kid has a very positive experience during this time in their life, they are considerably more likely (because of what the brain will remember) to adopt that behavior through adulthood. Conversely, if they are enjoying a ton on of sedentary entertainment, and that becomes a positive experience, they are likely to adopt those sedentary behaviors into adulthood” (Designed to move presentation – November 2014)

Per il Comune di Cernusco sul Naviglio l’alfabetizzazione motoria nelle scuole primarie è un progetto del Piano di sostegno allo sport “Uno sport su misura”. Il coinvolgimento delle scuole della nostra città rappresenta un significativo passo in questa giusta direzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.