LO SPORT IN CITTA’, LA CITTA’ NEI CENTRI SPORTIVI

In questi anni abbiamo sempre raccontato del sogno di portare sempre più lo sport in città e la città nei centri sportivi: tutte le azioni di politica sportiva intraprese sono andate proprio in queste due direzioni.
Da una parte la promozione della cultura del benessere e del vivere sano con iniziative nelle piazze e nei parchi, l’educazione al vero gesto sportivo nelle scuole attraverso il lavoro di insegnanti formati, la proposta di azioni di sport vero, leale e di tutti, la sensibilizzazione all’utilizzo di mezzi di trasporto sostenibili e fisicamente attivi. Dall’altra, la trasformazione dei centri sportivi in spazi di idee e socialità sportive.
L’evoluzione della vecchia piscina nel nuovo Centro Natatorio Comunale Enjoy Center fu il primo esempio e i risultati – nei numeri e nella qualità dell’offerta – sono sotto gli occhi di tutti.
Gli interventi sulle aree comuni e il nuovo ingresso del Centro Sportivo di via Buonarroti – inaugurati lo scorso martedì – sono un’ulteriore azione concreta a sostegno di questa idea: scivoli e altalene per i più piccoli; un nuovo tratto di pista ciclabile che collega gli ingressi Est – Ovest del centro sportivo, consentendo un passaggio dal centro della città alle scuole Itsos e Aurora Bachelet; un ingresso completamente rinnovato che limiterà il passaggio di auto e moto grazie alla presenza di dissuasori a scomparsa.
Se lo sport è educativo solo se insegnato e praticato in strutture adeguate e ben gestite, infrastrutture sportive ben curate e accoglienti rappresentano la giusta valorizzazione per le nostre Associazioni sportive utilizzatrici degli impianti: sia per la propria immagine verso gli atleti, sia per quella di Cernusco e del territorio verso le società extra-comunali accolte per gare e manifestazioni sportive.
In attesa dell’ultimo e già delineato sviluppo una volta rese disponibili le aree a Nord, il Centro Sportivo di via Buonarroti è già quel “villaggio Olimpico” indicato nel Piano di sostegno allo sport “Uno sport su misura”: un contesto che accoglie la più ampia pluralità di discipline sportive e nello stesso tempo esprime la potenzialità per diventare luogo di aggregazione.
Credo che ora la stessa riflessione di medio termine debba essere riservata all’altro centro sportivo comunale, quello di via Boccaccio. La gestione della parte a Nord è stata rinnovata nel 2012 (per 30 anni) con la Federazione Nazionale Hockey, ma l’obiettivo di sviluppare l’impianto come Centro Federale e punto di aggregazione – non solo sportiva – per un quartiere profondamente cresciuto in numero di abitanti, non si è concretizzato.

Da qui la possibilità di delinearne anche una diversa prospettiva, all’interno di un’analisi complessiva delle strutture sportive della città.

Sarà questa la sfida che a livello infrastrutturale coinvolgerà il movimento sportivo per i prossimi anni e il calcio d’inizio – almeno per la fase di condivisione e discussione – è necessario si apra subito. La mia proposta alla prossima Assemblea della Consulta dello Sport del prossimo 28 Maggio andrà in questa direzione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.