La Generazione Cernusco

Programma elettorale 2022/27

Noi crediamo in Cernusco sul Naviglio e nelle persone cha la abitano, in quello che siamo e in quello che ancor più potremo diventare. Siamo consapevoli che stiamo vivendo un periodo storico particolarmente complesso ma pensiamo anche di avere di fronte una possibilità fondamentale e unica per generare quella che sarà la nostra città nei prossimi decenni.

Cinque anni fa, ‘Bella Cernusco’ era stata la sintesi per esprimere una idea di città vivibile e viva, sostenibile; prossima alle persone e amata da chi la abita, la utilizza, se ne prende cura; all’avanguardia.

L’emergenza sanitaria che ha colpito anche Cernusco sul Naviglio, accompagnata da una incertezza economica e da uno smarrimento delle tradizionali relazioni tra le persone dovute ai distanziamenti, ha avuto un impatto imprevisto e dirompente sul modo di abitare, lavorare, studiare, muoversi, giocare, e così via per ogni ambito, creando un frattura tra un prima e un dopo, in alcuni casi accelerando processi già in corso che sono così maturati in termini di consapevolezza.

Molti, pensando alle città e alle loro comunità, hanno parlato di ‘ripartire’, ma se è vero che vivere in un determinato periodo storico significa essere influenzati da tutti gli avvenimenti che lo caratterizzano a livello generale e a livello locale, a Cernusco sul Naviglio la parola che più descrive questo momento che stiamo affrontando è probabilmente ‘generare’, secondo la sua definizione più profonda di dare vita a qualcosa di nuovo con quel legame che, come un filo sottile, rimane nel tempo tra i valori e le persone che ci hanno portato fin qui e ciò che da qui nasce.

Crediamo che questa generazione passi da tre strade chiare: un’attenzione all’ambiente attraverso stili di vita e spazi della città che ci fanno felici; una prossimità ad ogni persona e alla storia di ciascuno; servizi e proposte di una città che tende ad una eccellenza condivisa e aperta, fatta di esperienze e relazioni.

Tre sfide, dunque.

Più una, tutta cernuschese, che le riassume tutte.

‘Bella Cernusco’ partiva dall’evidenza di una città oggettivamente bella e per questo scelta da moltissime persone come destinazione per essere famiglia e far crescere i propri figli. Un terzo di chi abita oggi a Cernusco sul Naviglio non risiedeva in città dieci anni fa: sono tutti nuovi cittadini che si sono innamorati di questa Cernusco e l’hanno scelta per quello che è, guardando al futuro. Cernusco è già oggi e senza ombra di dubbio una bella città.

Anche negli ultimi cinque anni, e nonostante due di emergenza sanitaria, Cernusco sul Naviglio ha saputo migliorarsi, lo dicono i riconoscimenti ottenuti e gli indicatori sulla qualità della vita, e abbiamo la certezza che ancora voglia proseguire su questa strada. Esiste un “modello Cernusco” che fonda le sue radici nella responsabilità, nella concretezza e nello spirito democratico che nella nostra città si tramandano nel tempo. E’ un modello fondato sulla fiducia e le relazioni tra le persone, sostenuto dal valore della solidarietà, dell’accoglienza e declinato nelle mille forme dell’associazionismo, del volontariato, della cooperazione, della cittadinanza attiva e dell’impegno politico. Nel quale tutta una comunità educante, intorno alla scuola ma andando oltre, si prende cura dei più giovani. Dove le Parrocchie e gli Oratori, riuniti in una unità pastorale cittadina, continuano ad offrire il proprio significativo contributo.

Il modello non coincide ovviamente con l’Amministrazione Comunale ma questa ne costituisce un fulcro fondamentale, per valorizzarlo o metterlo in discussione. La gestione della pandemia lo ha dimostrato, non solo nei mesi drammatici in cui è stato determinante essere al fianco di ogni cittadino, ma anche pensando allo sforzo straordinario per contribuire con strutture, risorse e persone, alla riuscita della campagna vaccinale nazionale e lombarda, riconvertendo la struttura comunale della Filanda in un Centro Vaccinale sovracomunale gestito da ASST con il supporto dei volontari della nostra Protezione Civile e di quelli di molte associazioni cernuschesi. E’ l’evidenza di come davanti ad una sfida nuova da affrontare e da vincere, al fianco delle scelte giuste dell’Amministrazione, la nostra città si sia dimostrata generosa, responsabile e lungimirante, capace di cogliere un nuovo fondamentale bisogno e di darVi un riscontro positivo, facendo di Cernusco sul Naviglio un vero e proprio punto di riferimento tra i comuni di Città Metropolitana.

L’Amministrazione Comunale è fulcro fondamentale anche nel metodo: in un tempo come quello che stiamo vivendo di discussioni spigolose e scomposte, Cernusco sul Naviglio ha sempre proposto una politica basata sulla competenza, sul rispetto, sull’ascolto e sul dialogo. Ecco perché, sostenuti da una rinnovata energia di molte persone che hanno fatto un passo avanti a servizio della città al fianco di chi ha rinnovato con generosità il proprio impegno, siamo convinti di continuare ad essere la migliore alternativa a noi stessi per tramandare questo nostro modello cittadino a chi possa costruire, con lo sguardo verso il futuro, una città con stili di vita che ci fanno felici, prossima a ciascuno e aperta al mondo.

E’ l’ulteriore impegno che ci assumiamo per i prossimi cinque anni, perché è il testimone che abbiamo ricevuto a nostra volta dalle generazioni che ci hanno preceduto. Per continuare a garantire una elevata qualità della vita a chi abita a Cernusco sul Naviglio ora e per conservare intatto quel sentimento che ci fa dire: ‘qui sto bene’. Ma anche per fare di una nuova generazione che qui crescerà, un punto di riferimento su cui fare affidamento certo.

Da questo tempo che stiamo vivendo, da questa ri-generazione della città post pandemia, nasce una nuova Generazione.

Generazione Cernusco.

GENERAZIONE RESPONSABILE

L’attenzione all’ambiente con stili di vita e spazi della città che ci fanno felici

La prima grande sfida che ci aspetta e che discende dal nostro essere città che si sente parte del mondo, è quella della sostenibilità ambientale, che ci piace tradurre come la ricerca di stili di vita e la caratterizzazione di spazi della città, che ci fanno felici. In pochi anni la domanda di qualità ambientale tra i cittadini è molto cresciuta, insieme alla consapevolezza dei rischi connessi ai cambiamenti climatici, e trova proprio nei giovani i più consapevoli e impegnati. Nel Novembre 2019 il Consiglio Comunale ha approvato una mozione di dichiarazione di emergenza climatica e ambientale che, sulla scia del clamore e della sensibilizzazione ottenuti dal movimento dei Fridays for Future in tutto il Mondo, impegna l’amministrazione a promuovere ulteriori azioni concrete. Come si potrà evincere dalle declinazioni qui sotto riportate, è un percorso che stavamo già compiendo, ma questo tema è diventato centrale e sarà declinato con coerenza in molte direzioni.

IL TERRITORIO, IL VERDE E GLI SPAZI LIBERATI

  • Consumo di suolo in diminuzione e più spazio per le persone:
    • Il consumo di suolo nel nuovo PGT sarà pari a zero e in più verranno liberati spazi all’interno del tessuto urbano attraverso interventi puntuali, anche individuando interventi di de-pavimentazione.
    • Nuovi luoghi di socialità e relazioni verranno individuati nei quartieri, anche aggiornando quelli esistenti.
  • Spazi verdi da ricamare con alberi e relazioni:
    • Le aree verdi del territorio saranno ampliate e rese sempre più fruibili, assumendo destinazioni caratterizzanti e graduali comprese tra vere e proprie oasi secondo l’obiettivo Nature Positive dell’ONU e, all’estremo opposto, aree infrastrutturate e declinate in parchi e giardini;
    • Per questi ultimi, gli interventi di rifacimento dei giochi per i più piccoli inseriti nei parchi di quartiere proseguiranno quanto realizzato in questi anni, partendo da: il Parco ‘Baden Powell’ di via Visconti; il Parco di Ronco; l’area in prossimità di piazza Brugola; il Parco di via Mameli; il Parco di via Fermini. Una valutazione specifica sarà fatta per il Diorama del Parco dei Germani, il cui recupero o il suo abbattimento dipenderà sia dal costo di ristrutturazione, sia progetto di utilizzo per le finalità divulgative per cui era stato realizzato.
    • Proseguiranno le piantumazioni mirate in piazze, strade e parcheggi, anche per abbattere le bolle di calore: alla conclusione dei lavori in piazza Matteotti e in piazza Padre Giuliani, l’attenzione si sposterà su altre piazze a partire da piazza Unità d’Italia e piazza Ghezzi.
    • Il progetto ForestaMi, a cui il Comune di Cernusco sul Naviglio ha già aderito, sarà la via principale ma non esclusiva per integrare il verde ancor più all’interno della città: l’obiettivo è piantumare 35.000 alberi in 5 anni, uno per ogni abitante della città;
    • Il rifacimento dei marciapiedi di un asse importante come quello di via Don Sturzo verrà realizzato salvaguardando le alberature esistenti.
  • Cernusco XL sarà il nome del progetto per ampliare la fruibilità delle nostre aree verdi all’interno del PLIS Est delle Cave, attraverso tre azioni:
    • La ricostruzione di filari e alberature in zone agricole rappresenterà una via per valorizzare il tessuto verde che ‘abbraccia’ la città consolidata e in questo senso si procederà ad azioni di ‘cucitura’ come quella realizzata con i due filari di altifusti piantumati per ricostruire il cannocchiale di Villa Alari; a tal riguardo, si procederà con gli interventi previsti nel piano decennale sottoscritto con i cavatori, aggiungendo ulteriori interventi;
    • Il recupero dell’area boschiva di cava Gaggiolo a fini naturalistici e verde, con anche la realizzazione di una ciclabile per raggiungerla in calcestre lungo la strada SP121 e l’abbattimento dei ruderi esistenti;
    • Il recupero in termini di accessibilità e fruibilità dell’area del Parco degli Aironi, anche grazie ad un intervento ad uso sportivo a basso impatto ambientale nell’area dismessa di accesso in prossimità della Cascina Torriana Guerina.
  • Le aree pubbliche verdi a contorno della città continueranno ad essere assegnate ad agricoltori locali secondo la positiva esperienza di questi ultimi anni e al loro recente rinnovo, con concessioni per l’attività agricola e la manutenzione delle rogge.
  • Un Orto Botanico sarà realizzato lungo il Naviglio, in prossimità del parco di Villa Alari, come destinazione di attività di divulgazione e sensibilizzazione.
  • Dopo l’adozione degli scorsi mesi, verrà approvata la variante all’attuale PGT che consentirà di abbattere del 25% l’impatto delle nuove costruzioni previste in via Cevedale.
  • All’interno del nuovo PGT, anche il recupero delle aree dismesse nell’area industriale dovrà salvaguardare il principio del recupero di aree verdi. Particolare attenzione dovrà essere prestata agli edifici decadenti, lavorando con i proprietari per una rapida soluzione, pena l’introduzione di deterrenti all’inazione.
  • Sempre all’interno del nuovo PGT, verrà data risposta al tema della difficoltà, per i giovani che lasciano la famiglia, di rimanere a Cernusco, visti i prezzi delle case difficilmente accessibili. A tal riguardo verranno identificate aree da destinare a questo scopo, senza consumo di aree verdi.
  • In una prospettiva di rigenerazione, viene confermata la visione dell’area ex-Garzanti come luogo di cerniera tra la città abitata e la parte terziaria-produttiva, che possa contribuire all’obiettivo di garantire, attraverso un mix-funzionale, una maggiore identità al comparto a Nord della Padana, tra via Mazzini e via Grandi.
  • Piazza Martiri del Lavoro, di fronte alla fermata MM di Villa Fiorita, ed il ponte di collegamento in zona industriale tra via Di Vittorio e il Parco dei Germani, verranno riqualificati, elementi di valorizzazione del lavoro in zona industriale.
  • Verrà portata a termine la riqualificazione dell’ex-albergo Melghera secondo le indicazioni del PGT: 1/3 a verde, 1/3 a residenza, 1/3 con la realizzazione di una RSA. Alcuni servizi di quest’ultima avranno un carattere aperto e potranno garantire una ulteriore offerta per il quartiere e la città.
  • Per quanto riguarda la riqualificazione delle aree dismesse in zona industriale, le proposte di insediamento della logistica saranno oggetto di una valutazione più ampia dei costi e dei benefici complessivi, prevedendola comunque nella forma più leggera possibile.

UNA CITTA’ CHE SI MUOVE SU DUE RUOTE

  • Cernusco sul Naviglio, riconosciuta da quattro anni come ‘Città Ciclabile FIAB’ con quattro bikesmile su un massimo di cinque, è già una città a 15 minuti e proseguirà nel percorso intrapreso di aumentare il benessere delle persone anche rendendo facile la scelta di usare la bici o di muoversi a piedi.
  • Verrà implementato e portato a termine il progetto di Bicipolitana su larga parte degli oltre 70 km di piste ciclabili presenti, e costituirà un valore aggiunto per l’educazione alla ciclabilità.
  • Saranno aumentati gli stalli diffusi per parcheggiare le bici, con una omogeneità di modelli per la città che garantiscano maggiore sicurezza.
  • Oltre a quello già presente presso la stazione MM di viale Assunta, ulteriori bicipark strutturati saranno previsti alla stazione MM di Villa Fiorita, presso la biblioteca e in prossimità dei due centri sportivi.
  • Si lavorerà per completare il collegamento ciclabile con i comuni limitrofi non ancora interconnessi, in particolare:
    • Cologno Monzese: come accennato sopra, nel primo lotto di interventi per la riqualificazione del Bosco di Cava Gaggiolo, verrà prevista una strada in calcestre a bordo carreggiata che coprirà il tratto fino al confine tra i due comuni;
    • Brugherio: visto che il tratto in questione coinvolge i territori di tre comuni (Cernusco, Cologno e Brugherio) e due Province (Milano e Monza e Brianza), sarà necessaria un’azione congiunta e coordinata;
    • Pioltello, zona Est: verrà completata la ciclabile di via Torino e realizzata quella di via Mazzini, completando così l’intero asse Nord-Sud, destinato anche a meglio interconnettere la zona industriale.
  • Con la realizzazione della ciclabile di via Don Mazzolari nel 2020, si è completata la connessione di tutti i plessi scolastici della città con la rete ciclabile e possono oggi essere raggiunti su due ruote in sicurezza. Sarà così possibile verificare la sostenibilità di una chiusura di tratti stradali adiacenti le scuole negli orari di ingresso degli alunni, per favorire una riduzione del traffico ed un maggiore accesso a piedi o in bici: sul tratto di via Torriani, nei pressi della scuola di via Manzoni, la realizzazione di un pilomat aiuterà questa soluzione già sperimentata.
  • Verrà ulteriormente promosso e sviluppato il servizio di piedibus e, in accordo con gli istituti scolastici, verrà valutata a sua introduzione anche in uscita dalla scuola;
  • Per quanto riguarda il congestionamento del traffico per l’entrata e l’uscita degli studenti dagli istituti scolastici di via Masaccio, si lavorerà ad una migliore gestione con interventi sulle strade esistenti e la realizzazione di aree riservate per lasciare e riprendere gli studenti, senza consumare ulteriore suolo nella costruzione di una nuova strada.
  • Ci sarà una spinta per la realizzazione del secondo e ultimo passo del biglietto unico metropolitano, con l’integrazione del trasporto locale cernuschese in quello milanese ed un aggiornamento del parco automezzi ancor più in senso ecologico.
  • Proseguirà la caratterizzazione delle due stazioni MM come differenti luoghi di interscambio: Villa Fiorita, grazie all’ampio parcheggio, con il trasporto su gomma; Cernusco centro con una mobilità dolce, ciclabile e pedonale.
  • L’obiettivo ulteriore sarà quello di realizzare, proseguendo le interlocuzioni già aperte con il Comune di Milano e attraverso i fondi del PNRR, una terza stazione MM Melghera che, servendo un’area urbanizzata dove sono presenti un centro sportivo e un polo scolastico di rilevanza sovracomunale e dove presto si aggiungerà una RSA, possa essere un esempio di mobilità green non solo in termini di interscambio, ma anche dal punto di vista dell’impianto progettuale con la quale verrà inserita all’interno del parco lungo il naviglio.
  • Maggiore diffusione e incisività verrà riservata alle zone 30, da prevedere con l’aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano: il primo intervento riguarderà via Briantea ed in particolare l’intersezione con via Svevo, attraverso la realizzazione di un incrocio rialzato.
  • Verranno sperimentate le domeniche senza auto in piazze, strade o tratti di esse, da abbinare con attività di animazione, al fine di riconsegnare pezzi di città alla vivibilità delle persone.
  • Per quanto riguarda la viabilità sovracomunale, dall’interlocuzione con il Comune di Brugherio e successivamente con Città Metropolitana, si valuterà la realizzazione di una rotatoria all’uscita della Tangenziale che diminuisca la pericolosità dell’incrocio.

UNA NUOVA RICARICA DI ENERGIA

  • La transizione energetica ed il percorso per assicurare l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni ci devono vedere all’avanguardia.
  • Sulla base delle Diagnosi Energetiche Obbligatorie (DEO) dei propri edifici redatte negli scorsi mesi dal Comune di Cernusco sul Naviglio, si procederà, attraverso un passaggio di evidenza pubblica per la nuova assegnazione del servizio di gestione del calore, ad un ulteriore efficientamento dei sistemi, anche con soluzioni innovative.
  • Verrà implementato il sistema di impianti fotovoltaici delle strutture comunali in aggiunta a quelli già presenti sui tetti delle scuole e della Filanda;
  • La promozione di campagne di sensibilizzazione sul tema della crisi climatica in chiave culturale sarà fondamentale, a partire dalle scuole e dai più giovani. In questo senso sarà favorita la conoscenza diffusa di strumenti come bandi, progetti della Comunità Europea, direttive, adeguamento alle normative in materia di energia, fornendo alle famiglie strumenti per essere messi in condizione di rispettare l’ambiente e di poter risparmiare.
  • Verrà completata la sostituzione dei rimanenti pali più vecchi di illuminazione pubblica ancora in attività, in un’ottica di efficientamento energetico e di garanzia di maggiore sicurezza attraverso una illuminazione diffusa. L’obiettivo è quello di risparmiare un ulteriore 30% in termini di consumi e costi.
  • Verrà proposto un protocollo che imponga l’abbassamento delle temperature di riscaldamento degli edifici pubblici e privati e la riduzione dell’utilizzo dell’illuminazione pubblica in alcune ore della notte in aree o contesti in cui non è necessario garantire la sicurezza, secondo l’idea per cui l’energia più pulita è quella che non consumiamo.
  • Sul tema di un uso consapevole dell’acqua, saranno promosse azioni sul tema del risparmio idrico con azioni e incontri per sensibilizzare i cittadini, coinvolgendo il Gruppo CAP, gestore pubblico del sistema idrico integrato. In più, con il Gruppo CAP verrà ripreso il tema della creazione di una serie di pozzi di prima falda da utilizzare per l’irrigazione di prati e alberi dei parchi e delle principali fasce verdi del territorio.
  • Sempre con il Gruppo CAP, verrà predisposto un piano pluriennale di interventi per risolvere i principali problemi di allagamento delle strade in occasione dei forti temporali estivi.
  • Verranno aumentati, in un’ottica diffusa, i punti di ricarica delle auto elettriche.

PRENDIAMOCI CURA INSIEME DI UNA CITTA’ BELLA

  • Igiene urbana, cura del verde e manutenzione rappresentano ambiti fondamentali per esprimere l’immagine di una città bella. La consapevolezza primaria è che per raggiungere un risultato significativo in questi contesti, l’impegno del Comune, attraverso le aziende incaricate, e dei cittadini, nella cura e nell’uso responsabile degli spazi pubblici, non possano essere disgiunti.
  • Verrà fatta un’analisi dei cestini portarifiuti presenti sul territorio, mantenendoli o implementandoli dove necessario, e passando progressivamente all’implementazione di modelli con copertura.
  • Con CEM, gestore dell’igiene urbana, verrà fatta un’analisi delle modalità e dei tempi di pulizia delle strade e di svuotamento dei cestini, in modo da renderli più efficaci rispetto allo sviluppo della città. Questa analisi comprenderà anche una verifica dei mezzi e delle attrezzature utilizzate per la pulizia.
  • Nella manutenzione e nella cura del verde, si proseguirà sul percorso intrapreso con il nuovo gestore nel migliorare il taglio dell’erba favorendo la fioritura, nell’effettuare la piantumazione di piante che favoriscano l’impollinazione e la biodiversità, nel dare un’adeguata sostituzione di piante e alberi morti, nel rendere gli impianti di irrigazioni più efficienti. L’esperienza dei prati fioriti sarà mantenuta e implementata rispetto alle 23 aree oggi realizzate.
  • Allo stesso tempo, saranno forniti al cittadino strumenti che permettano di agire autonomamente ed in maniera coordinata rispetto ad alcuni ambiti del territorio, redigendo un ‘Regolamento di Volontariato Civico’.
  • Saranno introdotte forme di regia unitarie e condivise nella piantumazione degli alberi, sempre attraverso professionalità riconosciute che possano interpretare la figura del ‘Garante degli alberi’, evitando frammentazioni in vari progetti.
  • Proseguirà il percorso di efficientamento dei processi interni all’Ente Comunale al fine di migliorare l’esperienza di contatto tra cittadino ed uffici, anche rispetto alle segnalazioni all’URP.
  • Il rafforzamento della squadra degli operai comunali sarà tesa anche ad aumentare le possibilità di ‘pronto intervento’; ad essa si verificherà la possibilità di aggiungere disponibilità di persone dedicate a lavori socialmente utili, come già fatto dal nostro comune in altri ambiti.
  • L’obiettivo di una città Dog Friendly passerà dalla mappatura e dalla riqualificazione, ove necessario, delle aree cani presenti e dall’individuazione di nuove aree per lo scopo, incluse aree verdi ampie per il passeggio con cani liberi. Allo stesso tempo, verranno incrementate le azioni di sensibilizzazione ad un maggiore rispetto delle norme e di contrasto a comportamenti poco rispettosi degli spazi pubblici da parte dei possessori di cani.

GENERAZIONE PROSSIMA AD OGNI PERSONA

E’ l’importanza che diamo alla storia di ciascuno che ci fa essere comunità

La seconda grande sfida è la prossimità ad ogni persona e alla sua storia. E’ la più grande eredità che ci ha lasciato la pandemia, che ci ha dimostrato come ‘crescere senza lasciare indietro nessuno’ fosse solamente una parte del discorso. All’interno di questo ambito, alcune competenze fanno capo ad organismi superiori, tipicamente la Regione, ma è il Comune l’istituzione più vicina ad ogni cittadino ed è nostra intenzione interpretare questo ruolo nel modo migliore e concreto possibile. Consapevoli che solo una unità di intenzioni e di azione con il grande tessuto associativo della città, in un’ottica generativa, possono dare risposte concrete a domande sempre più complesse.

IL DIRITTO ALLA SALUTE

  • Le Case della Comunità saranno anche in Lombardia strutture per interventi di carattere socio-sanitario, dove realizzare una sanità territoriale efficace, vicina alle persone, con il contributo dei medici di medicina generale, dei pediatri di libera scelta, di specialisti ambulatoriali e di professionisti sanitari: una di queste verrà realizzata da Regione Lombardia entro il 2026, attraverso i fondi PNRR, sul territorio di Cernusco sul Naviglio, ed integrerà il ruolo svolto dall’Ospedale Uboldo.
  • Per il tempo che sarà necessario per realizzare la Casa della Comunità, verrà individuata la disponibilità di spazi comunali che possano agevolare l’arrivo di nuovi medici di medicina generale.
  • Una volta realizzata, i punti di contatto dei servizi sociali saranno in parte integrati nella Casa di Comunità, rafforzando il loro ruolo territoriale e supportando una loro maggiore integrazione con la componente sanitaria.
  • Verrà rinnovato e sostenuto il Patto associativo di Collaborazione con Comune e associazioni sociosanitarie della Città: Avis, Avo, Aido, Croce Bianca.

UN’ATTENZIONE PER OGNI FRAGILITA’

  • Proseguirà la costante attenzione allo sviluppo dei servizi dedicati alle varie fragilità, con proposte variegate e sempre più puntuali, anche nate nel territorio in un’ottica di welfare generativo, e una maggiore predisposizione di lavoro a raggiungere le persone là dove abitano, sul territorio.
  • Attraverso la partecipazione già avanzata dal nostro Comune ai bandi del PNRR, è intenzione sviluppare ulteriormente l’attenzione alle fragilità del territorio attraverso questi progetti/azioni, da declinare in ambito distrettuale:
    • Sostegno alle persone vulnerabili e prevenzione dell’istituzionalizzazione degli anziani non autosufficienti;
    • Sostegno alle capacità genitoriali e prevenzione della vulnerabilità delle famiglie e dei bambini;
    • Autonomia degli anziani non autosufficienti in alloggi protetti;
    • Rafforzamento dei servizi sociali a sostegno della domiciliarità;
    • Rafforzamento dei servizi sociali e prevenzione del burn out degli operatori;
    • Percorsi di autonomia per persone con disabilità;
    • Housing temporaneo per situazioni di momentanea difficoltà.
  • Per quanto riguarda l’ampliamento dell’offerta di servizi sociali, e sfruttando le possibilità consentite dalla riforma del Terzo Settore, verrà anche mantenuto e allargato il ricorso a procedimenti di co-programmazione (attraverso i quali leggere i bisogni e le priorità di intervento) e di co-progettazione.
  • Verranno introdotte nuove soluzioni per la visibilità e quindi la fruibilità dei servizi da parte dei cittadini, in termini di conciliazione e semplificazione.
  • Proseguirà la costruzione del PEBA e della sua declinazione in azioni concrete per l’abbattimento delle barriere architettoniche, con l’obiettivo di rendere la nostra città accessibile per tutti.

ESSERE GENITORI NEL 2022

  • Cernusco sul Naviglio vuole perseguire l’obiettivo di essere tra le migliori città in Italia per la conciliazione casa-lavoro, per uomini e donne, partendo da una realtà comunque buona testimoniata da un indice di vulnerabilità sociale tra i più bassi di Città Metropolitana di Milano.
  • Il tema del ‘care-giving’, con genitori sempre più lontani da reti familiari forti e diffuse nella gestione dei figli, continuerà a contare su un’ampia offerta di asili nido come un elemento essenziale per le famiglie ed un supporto fondamentale alle donne/mamme in un’ottica di conciliazione tra lavoro e ruolo genitoriale.
  • L’offerta di asili nido, sicuramente già migliorata dal 2018 con l’apertura del nuovo plesso di Largo Cardinal Martini, copre attualmente in maniera sufficiente la domanda delle famiglie cernuschesi, con liste d’attesa che riguardano unicamente famiglie con i più elevati coefficienti ISEE. Attraverso la partecipazione ad un bando PNRR per la riqualificazione della struttura dedicata al nido comunale di via Don Milani, verrà comunque aumentata del 10% l’offerta di posti.
  • Nel corso degli ultimi anni il Comune di Cernusco sul Naviglio ha aumentato le risorse destinate al servizio di pre e post-scuola, in linea con gli obiettivi di garantire pari opportunità di genere e una conciliazione tra lavoro e ruolo genitoriale. All’interno di un giusto equilibrio tra l’affidamento del bambino per un lasso di tempo ininterrotto di 10/12 ore a strutture esterne alla famiglia e la necessità di un’offerta articolata di servizi pre e post scuola essenziale per la gestione delle famiglie e la conciliazione vita/lavoro, si allargherà la qualità della proposta del post-scuola con attività varie (sportive, culturali, ecc.), stimolando la propositività delle consulte e in stretta collaborazione con le associazioni del territorio.
  • Verrà ripristinato il Servizio del CAG Variopinto, dopo lo stop per l’anno scolastico 2021/22. La proposta educativa comunale continuerà ad essere rivolta ai bambini e alle bambine tra i 6 e gli 11 anni che frequentano le scuole primarie di Cernusco Sul Naviglio. Uno spazio di incontro, di socializzazione, di integrazione e di supporto scolastico in cui fare esperienze positive, accrescere le proprie competenze cognitive, relazionali, sociali e scolastiche.

E’ SEMPRE TEMPO DI UNA BUONA SCUOLA

  • Proseguirà l’investimento per supportare l’eccellenza dell’offerta formativa ed educativa delle nostre scuole, facendo quanto di competenza del Comune, vale a dire garantire strutture scolastiche inclusive, sicure e di qualità.
  • L’istituzione di un terzo Istituto Comprensivo cittadino è priorità non più differibile e verrà perseguita in maniera decisa: gli attuali due comprensivi risultano, con un numero medio di circa 1.800 studenti ciascuno, tra i primi posti nelle classifiche della Lombardia per affollamento scolastico, ben al di sopra dei numeri ideali previsti, con le ovvie criticità organizzative che ne derivano.
  • Verrà realizzata una nuova scuola media presso il polo scolastico di Largo Cardinal Martini, nell’area già prevista dal PGT, che permetterà così di realizzare i ‘campus’ verticali (materna, primaria e secondaria) dei tre nuovi istituti comprensivi: il polo scolastico di via Don Milani, il polo diffuso nel centro città e appunto il polo di Largo Cardinal Martini. La nuova scuola, oltre a garantire una maggiore prossimità, andrà a beneficio di tutti i plessi scolastici cernuschesi perché libererà spazi per ulteriori servizi (laboratori, aule per il sostegno, ecc.) ed un incremento della qualità dell’esperienza educativa. Il completamento del nuovo Polo Scolastico prevederà anche interventi di piantumazione a compensazione, che daranno vita, tra l’altro, ad un nuovo bosco in città sull’area verde in via Fiume, cancellando così le previsioni di edilizia pubblica presenti nell’attuale PGT su quell’area e che verrà invece concentrata solo su aree che non comportano consumo di suolo, e ad una alberatura dell’area cani di via Padre Kolbe, che verrà riqualificata.
  • La nuova scuola media di Largo Cardinal Martini conterrà anche il raddoppio dell’attuale palestra, secondo la progettazione già prevista.
  • La scuola di via Manzoni vedrà l’intera ristrutturazione esterna di tetto e facciate.
  • Sempre la scuola di via Manzoni, già oggetto della ristrutturazione dei bagni e dello spostamento degli spazi mensa dal seminterrato al piano rialzato, sarà oggetto di ulteriori attenzioni con la ristrutturazione del seminterrato per la realizzazione di laboratori.
  • Sarà realizzato un efficientamento dell’illuminazione interna nei plessi delle scuole materne di via Dante e di via Buonarroti.
  • Verranno riqualificati gli spazi sportivi esterni della scuola di piazza Unità d’Italia.
  • Nel rispetto dell’autonomia didattica delle scuole, si sosterranno i progetti da ampliare o da sviluppare nei giardini e negli spazi all’aperto dei plessi, come le aule natura e gli orti botanici, favorendo una didattica anche outdoor.
  • Nell’ambito delle risorse dedicate all’inclusione scolastica, la creazione di uno sportello di assistenza alle famiglie avrà l’obiettivo di diminuire il gap didattico, nonché di favorire momenti di formazione per i ragazzi sui temi legati all’inclusione e alle pari opportunità.
  • La sperimentazione delle classi digitali introdotte nell’Istituto Comprensivo ‘Margherita Hack’ continuerà ad essere sostenuta e, se necessario, ampliata.
  • Le scuole paritarie rappresentano un arricchimento dell’offerta educativa della città: orientate ad accogliere un bacino di utenza più ampio di quello cittadino, proseguiranno le forme di collaborazione e di coinvolgimento all’attività della città, come ad esempio la rappresentanza degli studenti della scuola Aurora-Bachelet nel CCRR (Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze).
  • Attraverso la costante interlocuzione con la Città Metropolitana, a cui fanno capo le strutture delle scuole secondarie di secondo grado, verrà verificata la possibilità di uno sviluppo che possa riqualificare i due edifici esistenti, ITSOS e IPSIA, per aumentare ulteriormente la loro attrattività ed eventualmente accogliere nuove offerte didattiche.
  • Verrà rilanciato il trasporto pubblico per gli studenti, verificando forme di adesione più flessibile ed investendo in nuovi autobus elettrici, in stretta integrazione con il servizio di piedi-bus.

GIOVANI. PROTAGONISTI. OGGI.

  • L’offerta dei CAG coprirà tutte le fasce d’età: Labirinto, Friends e Variopinto.
  • Dopo le chiusure per la pandemia, l’attività del CAG Labirinto ritornerà a regime e si valuterà l’apertura in una ulteriore punto di riferimento in zone differenti della città.
  • Verrà sostenuta l’attività della Consulta Giovani, operativa da circa un anno, e sarà individuata una sede che consenta una maggiore identificazione da parte dei partecipanti.
  • All’interno delle attività del CAG Labirinto sarà data continuità all’azione dell’educativa di strada, strumento con il quale intercettare attraverso relazioni e incontri i ragazzi e le ragazze nei loro ritrovi nelle piazze e nei parchi della città, anche in un’ottica di prevenzione.
  • Rimarrà costante l’interlocuzione ed il sostegno all’attività degli oratori così come sviluppato in questi anni, con particolare riferimento all’attività estiva, attraverso forme di collaborazione strutturate.
  • In un’ottica di aumento degli spazi di aggregazione per i giovanissimi (non solo per i 18-25enni, ma anche 11-17enni) da declinare in differenti zone della città secondo un modello di città policentrica, verranno valorizzati spazi dove favorire incontri e attività:
    • Il ‘Cubotto’ di via Buonarroti, già da qualche anno spazio espositivo ma anche di incontri ed iniziative pubbliche;
    • Il Bar della Biblioteca, chiuso definitivamente nel corso della pandemia e ora oggetto di pubblico bando;
    • I punti ristoro al Parco dei Germani ed in prossimità dell’Osservatorio degli Astrofili, con l’occasione di nuove progettazioni alla conclusione dell’attuale concessione.
  • La biblioteca rimarrà un luogo di riferimento per gli studenti universitari e proseguirà l’apertura serale introdotta dal 2018 in occasione delle sessioni d’esame.
  • Una volta ricollocati i servizi attualmente presenti negli spazi dell’ex-camera mortuaria di Villa Alari in via Cavour, questi spazi saranno destinati ad ampliare i servizi della biblioteca, soprattutto a sostegno delle materie STEM (discipline scientifiche-tecnologiche).
  • Come accennato precedentemente, il tema della casa per i giovani che intendono rimanere ad abitare in città affrancandosi dai genitori sarà affrontato all’interno della definizione del nuovo PGT. A tal riguardo punteremo ad individuare aree pubbliche da destinare a questo scopo, senza consumo di suolo.

GLI ANZIANI E IL VALORE DELL’ESPERIENZA

  • Dopo la chiusura per la pandemia ed il suo utilizzo come centro vaccinale sovracomunale, uno dei tre spazi della Filanda ritornerà a svolgere la sua funzione di centro anziani.
  • Verrà messo a sistema l’utilizzo del campo di bocce recentemente riaperto nel Parco lungo il Naviglio e destinato all’utilizzo organizzato.
  • Alla luce della cessazione dell’attività dell’associazione bocciofila avvenuta negli scorsi anni, sarà verificata la necessità di mantenere la struttura presso il centro sportivo di via Buonarroti e successivamente, adeguata secondo un progettualità condivisa.
  • Saranno sviluppate attività e spazi di incontro tra nonni e giovani, come ad esempio percorsi di educazione digitale per gli uni o di conoscenza dell’attività negli orti sociali per gli altri.

SENTIRSI SICURI IN CITTA’

  • La visione di controllo e presidio del territorio perseguita sarà confermata primariamente di natura preventiva e positiva.
  • Partendo dall’analisi per cui il territorio cernuschese non è oggetto di situazioni di degenerante criticità, proseguiranno le azioni di sviluppo del sistema di telecamere: grazie al lavoro di questi ultimi tre anni si è concluso il lavoro per presidiare tutti i varchi della città, Ronco compreso, con un sistema di rilevazione delle targhe in tempo reale ed integrato, e si è sviluppato un sistema cittadino già attivo di oltre 120 telecamere in altrettanti luoghi sul territorio (scuole, parchi, piazze, edifici pubblici,…), collegate con la centrale operativa della Polizia Locale.
  • Un’importante continuità sarà presente nella collaborazione con le forze dell’ordine, in particolare con la locale stazione dei Carabinieri, e a livello sovracomunale con le Polizie Locali degli altri Comuni: a tal riguardo è già stato sottoscritto il Protocollo Sovracomunale tra le Polizie Locali, con oltre 20 Comuni dell’Adda Martesana, proprio per garantire un maggior coordinamento degli interventi e del monitoraggio del territorio.
  • Verrà concluso subito nel 2022 il percorso di ricostituzione di un numero di agenti di Polizia Locale adeguato alla città dopo le cessazioni in servizio avvenuta nell’ultimo anno.
  • Questa ricomposizione permetterà di ritornare alla presenza del terzo turno, fino alle 23.30, soprattutto nei mesi estivi, e ad una maggiore presenza nei vari quartieri.
  • Obiettivo del mandato sarà la stesura del nuovo Regolamento di Polizia Locale, per aggiornarne dopo parecchi anni la sua efficacia alla luce delle evoluzioni normative in materia.
  • In chiave di sicurezza a 360°, verrà sostenuta e valorizzata l’attività della Protezione Civile il cui ruolo si è dimostrato fondamentale nei due anni di pandemia: si lavorerà per aumentare l’integrazione all’interno dell’attività degli uffici comunali e verrà aggiornato il Piano d’Emergenza cittadino al fine di garantire una maggiore conoscenza del territorio e quindi maggiore efficacia nell’intervento.
  • La Polizia Locale e la Protezione Civile verranno ricongiunte in un solo luogo, che possa aumentare la disponibilità e la qualità degli spazi, a garanzia di un migliore servizio.
  • Dopo la sottoscrizione nel luglio 2018 con la Prefettura della convenzione per l’attuazione del Controllo di Vicinato che ha visto poi la partenza nel gennaio 2019, si procederà ad una verifica dei risultati e delle prospettive di attuazione.
  • All’interno dell’attività del CAG Labirinto, verrà mantenuta l’attività dell’educativa di strada anche come azione di prevenzione.
  • I furti delle bici verranno contrastati anche sostituendo le rastrelliere più vecchie con rastrelliere più sicure e potenziando i parcheggi dedicati.

GENERAZIONE ECCELLENZA

Wow, Cernusco! Una città aperta e condivisa, ricca di esperienze e relazioni

Il percorso intrapreso per posizionare Cernusco sul Naviglio ad un livello alto di offerta culturale, sportiva e commerciale, unitamente ad una valorizzazione dei suoi spazi anche in termini di attrattività, ha solo subito un rallentamento a causa della pandemia ma rimane la direzione giusta, in un’ottica sempre più integrata. Il gusto buono che abbiamo assaporato grazie ad eventi di portata nazionale e internazionale che abbiamo ospitato sul territorio, primo tra tutti il Giro d’Italia di ciclismo, sono lì a dimostrarlo, in una continua contaminazione tra il livello della proposta e il coinvolgimento propositivo che nasce dal tessuto locale: associativo, commerciale e produttivo, la cui valorizzazione rimane la prima motivazione di azione.

LA FORZA DEGLI EVENTI

  • L’Ufficio Eventi rafforzerà la sua prospettiva a servizio dei diversi assessorati/settori, con professionalità che si occupino del dialogo e della stesura di un calendario integrato di eventi tra i vari assessorati/settori e che con loro si occupi della crescita del territorio a supporto dello sviluppo della comunità. Con un filo diretto costante con l’Ufficio Comunicazione.
  • La creazione di un ufficio bandi si occuperà esclusivamente di recuperare i fondi per la realizzazione dei progetti comunali e delle associazioni, consentendo anche di lavorare in rete, trovare partnership locali, coinvolgere il tessuto commerciale, come avvenuto per l’esperienza del Giro d’Italia 2020.
  • L’interfaccia con la Città di Milano sarà costante, anche per integrare, con uno stile tutto cernuschese, l’offerta del capoluogo. Le Olimpiadi di Milano-Cortina saranno un’occasione unica, così come lo fu Expo nel 2015. Uno sguardo sarà rivolto anche al territorio della Martesana, in particolare attraverso l’azione di coordinamento dell’Ecomuseo.

LA FILANDA DI NUOVO AL CENTRO

  • Dopo la destinazione temporanea come Centro Vaccinale Sovracomunale nel corso dell’ultimo anno, la Filanda tornerà ad essere luogo di socialità e relazioni al centro della città.
  • Pur con una visione unitaria, la sua ripartenza passerà da tre funzioni differenti:
    • Una di natura ristorativa, con due caratteristiche fondamentali: la valorizzazione delle esperienze locali, agricole, di allevamento ed enogastronomiche; il presidio e l’animazione del Parco Trabattoni come parte integrante della proposta;
    • Una seconda rivolta alle persone meno giovani, riprendendo la positiva esperienza pre-covid come ‘Centro Anziani’;
    • La terza attraverso la sperimentazione e poi il consolidamento, all’interno di uno spazio ibrido, di funzioni d’uso innovative, che rispondano alle esigenze del territorio da identificare attraverso processi di ascolto. Ad esempio: servizi culturali; servizi per famiglie e bambini; coworking; ecc.

IL DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO

  • Il riconoscimento del Distretto Urbano del Commercio di Cernusco sul Naviglio, avvenuto a fine gennaio al termine di un lavoro compiuto nei mesi precedenti, sarà la base su cui mettere in rete le esperienze e le potenzialità della città, nonché costruire azioni a sostegno del commercio locale, anche grazie ai finanziamenti regionali.
  • Entro settembre 2022 verrà sviluppata insieme a Confcommercio la progettualità 2022-2024 per partecipare al Bando Regionale che concede finanziamenti ai Distretti del Commercio. Al suo interno si valuteranno anche azioni che possano permettere di riattivare negozi eventualmente chiusi.
  • Verranno ulteriormente sostenute la azioni che in questi anni hanno caratterizzato la nostra città, in ottica anche commerciale:
    • La Fiera di San Giuseppe, che nel 2023 celebrerà il centesimo anno;
    • Le giornate di sconti e animazioni di natura straordinaria nel centro storico, anche in partnership con privati e commercianti;
    • Il palinsesto di eventi e animazioni estive e quello relativo al Natale, integrati con il tessuto commerciale della città.
  • Nei quartieri e in centro saranno create delle mappe digitali degli esercizi commerciali che aiuteranno le persone, seguendo l’esempio dei centri commerciali a cielo aperto.
  • La partecipazione attiva dei commercianti agli eventi sarà integrata, con vantaggi per chi sceglie di supportare eventi patrocinati dal comune e di grande rilevanza.
  • La chiave green che caratterizzerà tutta la città, varrà anche per il commercio locale, che avrà nello ‘shopping lento e vicino’ il suo riferimento.
  • Attraverso l’aggiornamento del regolamento sugli spazi esterni, verranno valorizzati e messi a sistema quelli delle attività di ristorazione e somministrazione, in un’unica immagine integrata della città.
  • Verrà messa a sistema la rete delle strutture ricettive sviluppate nel corso degli ultimi anni, integrandole con l’offerta commerciale e culturale della città e sostenendone un eventuale ulteriore sviluppo.

LA CULTURA SI FA POP

  • La cultura a Cernusco sul Naviglio aggiungerà un’anima pop, anche valorizzando le tante professionalità e i numerosi personaggi cernuschesi che eccellono nel panorama italiano ed estendendo l’offerta ad un pubblico aggiuntivo a quello tradizionalmente coinvolto: ad esempio, i ‘millennials family’ che guardano a Milano e alle sue proposte; gli adolescenti e le loro tendenze contemporanee, declinate in chiave culturale o di festival ma con un approccio educativo e non superficiale; ecc.
  • L’esperienza della Città dei Festival perseguita nel tempo (Fair Play Festival, Cernusco Jazz, Festival delle Lettere, ecc.) anche attraverso la collaborazione con professionisti e privati, verrà definita in un palinsesto annuale e di alto profilo.
  • Oltre che nei luoghi tradizionali di cultura, tra cui i recentemente ristrutturati Auditorium ‘Paolo Maggioni’ e la Casa delle Arti, l’offerta culturale invaderà lo spazio aperto, con progettualità inserite nel verde e nei vari quartieri della città, itinerante anche in periferia e capace di cogliere gli spunti generativi delle associazioni e dei cittadini cernuschesi. Sarà realizzata l’installazione di un ‘Open Stage’, nel Parco dei Germani, da mettere a disposizione dei giovani artisti per suonare all’aperto.
  • La biblioteca, che recentemente ha visto aumentare significativamente le infrastrutture digitali a disposizione, rimarrà saldamente il luogo di riferimento di una proposta culturale di qualità, aggiungendo anche iniziative in altri contesti della città, ad esempio con un ‘Biblio-bus’ itinerante.
  • L’identificazione di Cernusco sul Naviglio come hub lombardo per le politiche di sport, cinema, teatro e cultura tra le Città Euroepee dello Sport permetterà di sviluppare sinergie e contaminazioni.
  • Con la conclusione, prevista per il prossimo autunno, dei lavori del nuovo cantiere di ristrutturazione, gli spazi disponibili all’interno di Villa Alari per organizzare eventi saranno: il cortile d’onore, il salone d’ingresso, la sala principale del piano rialzato, il parco, la cappella gentilizia. Spazi sicuramente significativi che permetteranno di fare della villa una destinazione culturale importante, proprio come sperimentato in occasioni particolari in questi anni.
  • Si perseguirà comunque uno sviluppo definitivo di Villa Alari, secondo la direzione delineata attraverso il concorso di idee, con spazi-eventi comunali, contenuti stabili di natura nazionale e internazionale e proposte ancillari di varia declinazione. Un obiettivo che potrà essere raggiunto con ulteriori significativi investimenti, necessariamente sostenuti esternamente rispetto al Comune, attraverso il coinvolgimento di enti superiori, fondazioni e privati.

CITTA’ EUROPEA DELLO SPORT OGNI ANNO

  • Ripartiremo dall’esperienza di Città Europea dello Sport 2020, valorizzando la straordinaria offerta delle associazioni sportive della città e guardando all’opportunità unica costituita dai Giochi Olimpici Invernali di Milano-Cortina 2026 che farà di tutta la città una palestra a cielo aperto di attività e di valori sportivi.
  • Lo sport non si fermerà ai centri sportivi ma tutti gli spazi verdi della città saranno potenzialmente spazi sportivi per una pratica diffusa, libera e all’aperto: anche per questo proseguirà la riqualificazione delle strutture sportive di playground esistenti, compresa l’area sportiva nel Parco dei Germani, verso Ronco.
  • Continuerà la ridefinizione, la ristrutturazione e lo sviluppo degli spazi sportivi della città per accompagnare, con una visione generale e sempre in un’ottica polisportiva, il futuro delle nostre associazioni per i prossimi decenni:
    • Al centro sportivo di via Buonarroti, verranno portati avanti i progetti per la realizzazione di un campo da calcio a 11, già per l’inverno, e uno a 9, entrambi in sintetico.
    • Verrà realizzato il centro rugby di interesse federale così come da progetto comunale, ampliato in termini qualitativi grazie al sostegno della Federazione Rugby per l’accesso ai fondi PNRR.
    • Verrà realizzato il campo da baseball a fianco dell’attuale campo da softball, in sostituzione di quello attuale.
    • Sarà sviluppata l’area a Nord, ampliando l’offerta sportiva del tennis anche con l’introduzione di nuove discipline in continuità con quella tennistica.
    • La scelta consensuale di non procedere con il project financing sul resto del centro sportivo a causa delle incertezze della pandemia lascia comunque aperte tutte le possibili modalità di intervento sulle altre strutture attraverso il coinvolgimento di realtà private e/o associative, con un aggiornamento insieme alla Consulta dello Sport rispetto alle esigenze del movimento sportivo.
    • Il centro sportivo di via Boccaccio vedrà la realizzazione del campo polivalente nell’area a Est, dove spostare alcune discipline ora presenti nell’altro centro sportivo in un’ottica di integrazione dell’offerta, non di sovrapposizione; lo spostamento dell’area addestramento cani al di fuori del centro sportivo attraverso il percorso del PGT libererà lo spazio all’interno della pista per un percorso di mountain bike.
    • Parallelamente agli interventi sugli spazi sportivi all’aperto, si inizierà l’analisi della situazione degli spazi sportivi al coperto, valutando in un’ottica cittadina, di concerto con la Consulta dello Sport e le associazioni per quanto riguarda il loro sviluppo pluriennale, la necessità di un luogo sportivo/eventi che integri l’attuale Palazzetto dello Sport.
    • Come descritto sopra, verrà raddoppiata la palestra del nuovo polo scolastico.

IL VALORE DELLA PARTECIPAZIONE

  • Verranno aggiornati i regolamenti delle consulte con il compito di renderle più efficaci e in grado di essere propositive sia nei confronti delle associazioni stesse, che del comune, ponte reale di comunicazione tra il comune e le associazioni.
  • Verranno messi a sistema l’offerta degli spazi pubblici della città a disposizione delle associazioni e di eventuali fruitori, in modo possa essere più facile conoscere le disponibilità e le potenzialità della città.
  • Verrà definito il regolamento del ‘Volontariato Civico’ per agevolare l’impegno concreto alla vita della città.